Questa pagina è in allestimento. Verranno presto inserite le restanti gallerie dei soci e create nuove pagine con il contenuto delle mostre degli anni.

PHONEPHOTOGRAPHY

Questa mostra vuole essere una proposta per riflettere sui risultati dell’utilizzo di uno specifico strumento, in questo caso lo smartphone o. La macchina fotografica è uno strumento per registrare la realtà, una macchina appunto, che possiamo amare fino alla pazzia, ma sempre una macchina resta. Quello che conta in fotografia sono i risultati, non lo strumento e a volte lo si dimentica. Poi sono arrivati i telefonini cellulari meglio gli smartphone che hanno offerto la possibilità di realizzare immagini e qualcosa è cambiato. La registrazione della realtà e la sua condivisione sono diventati un bisogno compulsivo che riguarda un pó tutti. I telefonini sono leggeri, agili, veloci, affidabili, compensano i problemi di illuminazione e possiedono la capacità di farci avvicinare e allontanare al soggetto quasi come uno zoom senza essere troppo invadenti. Ancora una volta però, sono le capacità di guardare, di vedere e di inquadrare che consentono di ottenere buoni immagini. Uno smartphone nelle mani di qualcuno che sa vedere diventa una vera macchina fotografica, capace di registrare la realtà, interpretarla e di realizzare vere fotografie. Tutte le immagini della mostra presenti, sono state realizzate con il telefono e molte sono state successivamente postate nei social network, condivise, viste da centinaia di amici e commentate da altrettanti osservatori. La strada di esporre queste immagini stampandole può sembrare oggigiorno un passo indietro ma in questa sede ci consente tuttavia di osservare di criticare o di apprezzare senza essere obbligati a mettere un “mi piace”. 

Fabrizio Giusti
Presidente

Tutte le immagini presenti in questa pagina e in questo sito, sono coperte dal diritto d’autore e non possono essere utilizzate per nessun motivo senza espressa autorizzazione dell’autore.

 

Catello Nigro

 

Alexandra Bergamo

 

Fabio Marchesin
“Le Frecce Tricolori in bianco e nero”